Nella vita delle città

Formazione continua

Il desiderio che ha accomunato chi si è dedicato alla fondazione delle Società e che aderisce in veste di socio alle Società è quello di continuare a formarsi come psicoanalisti, una formazione che non si conclude mai e che si nutre di scambio e di continuo confronto con la clinica, con lo studio dei testi e della teoria, con il confronto con altre discipline e altri linguaggi.

Io credo che la sola passe che conti sia quella imposta dalla vita e che per coloro che abbiano fatto esperienza di un’analisi condotta a fondo il compito che li attende sia quello etico di testimoniare gli effetti di questa esperienza nella loro vita e nella comunità di lavoro alla quale appartengono. In questo senso specifico la passe permanente è davvero come un’onda che ci costringe a testimoniare giorno dopo giorno l’incontro con il reale di cui abbiamo fatto esperienza nell’analisi.

Massimo Recalcati, Il mare della formazione, Mimesis, Sesto san Giovanni 2021

Il fine del mio insegnamento è di formare degli psicoanalisti all’altezza della funzione che viene chiamata soggetto, perché è accertato che solo a partire da questo punto di vista si vede bene di che cosa si tratta nella psicoanalisi

Jacques Lacan, Il mio insegnamento e Io parlo ai muri, Astrolabio, Roma 2014

Attività della rete

Le Società cittadine di psicoanalisi sono in dialogo tra loro per un confronto tra i soci e tra le società sui temi cari alla psicoanalisi. Da questo confronto e condivisione nascono seminari, eventi e convegni, che diventano luoghi di incontro vitale e generativo.

Ho chiesto, vergognandomi, ad un mio collega inglese: ‘Cosa vuol dire istituzione?’ Lui […] guardandomi mi rispose in maniera pragmatica: ‘L’istituzione è … – guardandosi intorno – … Questa’, indicandomi con le mani. Eravamo in una stanza di un manicomio. E così ho avuto l’illuminazione per cui ho capito che l’istituzione in quel momento eravamo noi due, là, in quel posto che era il manicomio, e […] tutti quei discorsi che noi facevamo in quel momento erano discorsi che aprivano o chiudevano quest’istituzione, che eravamo noi due. Se noi facevamo dei discorsi di apertura, l’istituzione era una situazione aperta; se noi facevamo dei discorsi di chiusura l’istituzione era un’istituzione chiusa [e] se il personale dell’istituzione la gestisce in maniera chiusa, mentalmente e praticamente, questa è un’istituzione chiusa; se fa il contrario è un’istituzione aperta.

Franco Basaglia, Introduzione generale ed esposizione riassuntiva dei vari gruppi di lavori, corso di aggiornamento per operatori psichiatrici, Trieste 1974

Attività territoriali

Ogni Società cittadina, nella sua particolarità, organizza delle attività e degli eventi rivolti ai soci e a chiunque sia interessato, nelle città a cui appartiene la Società, affinché il discorso della psicoanalisi si intrecci con l’unicità del luogo in cui la Società abita.

 

Lo psicoanalista è nella città in quanto non può che essere nella città. L’inconscio non è una sostanza ontologica, ma è il prodotto dell’esteriorità dell’Altro (della storia, della cultura, della società, dell’economia).

Massimo Recalcati, Lo psicoanalista e la città, Manifestolibri, Roma 2007

Per uno di quegli eventi alle cui conseguenze sarebbe vano opporsi, la parola ‘psicoanalisi’ ha finito con l’assumere più di un significato. Mentre in origine per ‘psicoanalisi’ si intendeva un ben preciso procedimento terapeutico, ora questo termine è diventato anche il nome di una scienza, la scienza dell’inconscio psichico. Raramente questa scienza riesce da sola a risolvere perfettamente un problema; tuttavia essa sembra destinata a offrire importanti contributi ai più diversi campi del sapere”.
“Così, dunque, se mi volto indietro e guardo al lavoro che ho svolto fin qui, posso dire di aver iniziato molte cose e di aver fornito lo spunto per molte altre che certo in futuro verranno elaborate e sviluppate. Non posso sapere fin d’ora se i frutti di questo mio lavoro saranno copiosi o meno. Mi sia consentito però esprimere la speranza di aver aperto la strada a un importante progresso delle nostre conoscenze.

Sigmund Freud, Autobiografia, Opere, Bollati Boringhieri, Torino 1978, vol. X

Attività

Per raggiungere il loro fine formativo le Società Cittadine di Psicoanalisi si faranno promotrici di eventi, seminari, convegni, conferenze, lezioni, presentazioni editoriali, attività di aggiornamento, creazione di gruppi di studio, daranno impulso a ricerche, studi e pubblicazioni.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

nel territorio

Scopri l’attività della rete

Trieste

Società Triestina di Psicoanalisi

Palermo

Società Palermitana di Psicoanalisi

Milano

Società Milanese di Psicoanalisi

Pavia

Società Pavese di Psicoanalisi